IL FILO D’ORO
Oasi Iniziatica


Il “Filo d’Oro” nasce nel 2012 a Terni, come Laboratorio di Meditazione e Ricerca condotto da Carlo Dorofatti.

La centralità dell’Individuo, nella sua relazione con se stesso e con gli altri, è un valore fondamentale che fa del “Filo d’Oro” un gruppo di liberi pensatori, di ricercatori, di amici – che si sono sincronicamente incontrati – senza derive religiose, devozionali, ideologiche o commerciali.

Il Filo d’Oro rappresenta l’occasione per un più profondo lavoro su se stessi e di cambiamento. La trasformazione è un processo di Conoscenza Attiva che comporta sempre una radicale rivisitazione dei propri sistemi di credenza, della propria vita e delle proprie scelte.

Il Filo d’Oro è un Ordine Iniziatico. Delinea un “viaggio“, attraverso il quale si viene gradualmente formati alla conoscenza esoterica nei suoi contenuti storici, tecnici, etici e spirituali. L’approccio filosofico e metodologico che il Filo d’Oro propone è in funzione non solo di un risveglio personale, ma dell’adesione ad una progettualità che ricolloca l’individuo in un più ampio disegno umano e cosmico. Il Filo d’Oro è un Ordine operativo.

In occasione di ricorrenze tradizionali si organizzano Ritiri Spirituali ai quali si può accedere su invito. In tali occasioni l’Ordine del Filo d’Oro rappresenta un momento di riconnessione, ovvero di confluenza iniziatica, in quanto si accolgono ricercatori, viaggiatori e Iniziati anche di altre esperienze e lignaggi, per partecipare ad un momento di condivisione e di reciproco profondo riconoscimento.

Il Filo d’Oro si definisce, più che come Ordine nel senso tradizionale del termine, in quanto Oasi Iniziatica. Per avvicinarsi al Filo d’Oro è necessario frequentare l’Accademia ACOS da almeno 1 anno e, se possibile, gli incontri di meditazione con Carlo Dorofatti che si svolgono a Terni o a Bologna.

Sul piano tecnico-esoterico il Filo d’Oro è un Ordine di ispirazione Ermetica e Tantrica. Evolve in forma indipendente e rinnovatrice la Corrente Thelemico-Maatiana e sviluppa la traccia in Occidente rappresentata da figure come Frater Achad, Kenneth Grant e Soror Andahadna (Nema), ma anche come G.I. Gurdjieff e J. Krishnamurti e, in Oriente, dalla straordinaria ricerca di Sri Aurobindo e Mérè, qui innestata sulle fondamenta di riferimenti tradizionali come il Tantrismo Shivaita e il Buddhismo Vajrayana. 

Detto questo, il Filo d’Oro è un lignaggio iniziatico che affonda sì le sue radici in molte diverse tradizioni, ma contemporaneamente e sopratutto – in virtù dell’esperienza personale di Carlo Dorofatti – sviluppa una Via del tutto originale, viva e dinamica.